Antica Drogheria Tisane In Gravidanza Quali Assumere 01
Antica Drogheria
Antica Drogheria

Tisane in gravidanza: quali si possono assumere

Durante la gravidanza si possono avere piccoli grandi disturbi e spesso le tisane possono rappresentare un sollievo naturale, tanto più che non sempre è una buona idea assumere farmaci quando si è in dolce attesa. Tuttavia, non è sempre detto che non ci siano effetti collaterali: le tisane in gravidanza generalmente fanno bene, ma non è un dato assoluto tanto più che le erbe contengono principi attivi che possono agire esattamente come quelli dei farmaci.

Dunque, prima di assumere qualsiasi tisana in gravidanza è opportuno chiedere consiglio al proprio medico o, almeno, all’erborista di fiducia.

A che cosa fare attenzione quando si assume una tisana in gravidanza

Sebbene sia sempre consigliabile fare attenzione a che cosa si assume, in particolare durante la gravidanza si deve essere certi di che cosa si introduce nel proprio corpo.

  • Conoscere tutti gli ingredienti inseriti nelle tisane: non sempre le tisane sono composte da una unica erba, ma possono essere un mix di sostanze. Se sono di produzione industriale, ci sono senza dubbio tutti gli ingredienti indicati nella confezione. Se, invece, si tratta di una tisana artigianale, bisogna appurare quali siano esattamente le erbe inserite.

  • Evitare tisane che contengono oli essenziali: gli oli essenziali hanno la caratteristica di passare attraverso i tessuti e raggiungere il feto. Non è del tutto chiaro quali possano essere gli effetti degli oli essenziali sul bambino, pertanto finché gli studi non sono in grado di dare informazioni precise è meglio evitarli.

  • Scegliere tisane biologiche certificate: se possibile, usare le tisane biologiche consente di sfruttare al meglio i loro effetti benefici, in quando non sono state trattate con sostanze che possono ridurre l’efficacia dei principi attivi. Tuttavia, è fondamentale controllare che siano di produzione veramente biologica, scegliendo unicamente aziende certificate.

  • Assumere le tisane in gravidanza con moderazione: così come vale anche quando non si è in gravidanza, esagerare non va bene. Per quanto le tisane possano essere prive di sostanze dannose, gli eccessi sono da evitare, perché potrebbero subentrare effetti collaterali poco piacevole. L’ideale è una tazza o due di tisana al giorno.

  • Non sostituire altri farmaci con le tisane: le tisane possono essere un toccasana e ridurre piccoli disturbi. Tuttavia, se il medico ha prescritto una cura specifica, magari anche con farmaci, è indispensabile seguirla e non sostituire le medicine con le tisane che, per quanto benefiche, non hanno la stessa efficacia dei trattamenti farmacologici. Sebbene i principi attivi molto spesso possano essere gli stessi, la concentrazione è completamente diversa.

Antica Drogheria Tisane In Gravidanza Quali Assumere 02

Quali sono le tisane utili durante la gravidanza

Come detto, prima di assumere qualsiasi tisana è sempre meglio chiedere al proprio medico che valuterà la situazione della singola paziente.

Tuttavia, se non ci sono motivi che ne escludano l’uso, ci sono alcune tisane particolarmente utili in gravidanza:

Tisana allo zenzero contro le nausee

Lo zenzero è una delle sostanze sul cui uso in gravidanza vi sono opinioni contrastanti. Tradizionalmente si usa per ridurre la nausea e gli studi scientifici ne dimostrano la reale efficacia. Tuttavia, secondo alcuni l’assunzione di gingerolo, contenuto nello zenzero, in gravidanza potrebbe causare malformazioni al feto.

Uno studio canadese pubblicato sulla rivista del National Center of Biotecnology Information ha preso in esame 187 donne in gravidanza. Secondo i risultati del caso-studio esisterebbe una correlazione tra assunzione di zenzero e la significativa riduzione di nausee, confermandone l’efficacia come antiemetico. Sempre secondo questo studio, i risultati non indicherebbero aumento dei tassi di malformazioni.

Pertanto, il buon senso non ne esclude l’uso, ma consiglia di utilizzarlo con moderazione.

Nel dubbio, meglio rivolgersi a un centro medico qualificato per avere tutte le informazioni del caso. 

Valeriana in gravidanza per ridurre l’insonnia

La valeriana è un’altra pianta officinale che ha molti effetti positivi e che viene ampiamente usata per calmare l’ansia e ridurre l’insonnia.

Sebbene esistano farmaci a base di valeriana che nelle indicazioni terapeutiche ne escludono l’uso in gravidanza, quando si tratta di tisane gli effetti collaterali sono notevolmente ridotti.

In linea di massima, quindi si può assumere senza problemi, a condizione di chiedere consiglio al medico, di non abusarne e di non utilizzarla in concomitanza con barbiturici, sedativi o antistaminici, perché potrebbe potenziarne gli effetti.

|Sponsorizzato
Antica Drogheria Tisane In Gravidanza Quali Assumere 03

Tisana al finocchio per digestione e allattamento

La tisana al finocchio è una delle bevande utilizzate per le sue proprietà depurative e per la sua capacità di ridurre i gonfiori e migliorare la digestione.

Prima di effetti collaterali significativi, si può usare fin dai primi mesi di gravidanza per contrastare le nausee, per ridurre la pesantezza durante la digestione e per drenare gli accumuli di liquidi. Inoltre, il finocchio ha la capacità di stimolare la secrezione delle ghiandole mammarie, pertanto questo tipo di tisana è particolarmente indicato nelle ultime fasi della gravidanza e durante l’allattamento proprio per favorire la produzione di latte materno.

Come per le altre tisane, è indispensabile non abusarne e chiedere consiglio al proprio medico di fiducia.

Camomilla contro ansia e infiammazioni

La tisana alla camomilla è sempre molto apprezzata in tutte le situazione, grazie ai suoi numerosi benefici.

Il nome della pianta Matricaria chamomilla deriva dal termine latino matrix, che significa utero. Questo perché già nell’antichità si era a conoscenza degli effetti benefici di questa pianta per ridurre i dolori mestruali, i dolori muscolari e gli spasmi. Proprio per questo anche le gestanti ne traggono benefici.

Inoltre, ha una azione calmante, che riduce gli stati d’ansia connessi alla gravidanza.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email