Antica-drogheria - Il tè bianco
Picture of Antica Drogheria
Antica Drogheria

Il tè bianco: il tè dell’imperatore

Il tè è una bevanda antichissima, proveniente dall’Oriente.

Si tratta di una speciale preparazione in foglie consumata oggi in tutto il mondo e molto apprezzata da intenditori e non.

Le tipologie di tè sono tantissime, ciascuna con un sapore e un colore ben diverso, ma le principali sono: tè nero, tè verde, tè Oolong, tè bianco, tè giallo e tè Pu erh, una particolare qualità di tè fermentato.

Tra queste, il tè bianco è considerato il più pregiato al mondo ed è il più apprezzato dagli amanti del tè.

Cos’è il tè bianco e perché viene definito il tè dell’imperatore?

Il tè bianco è una particolare qualità di tè originario della provincia di Fujan, nel sud-est della Cina, ma prodotto anche in Giappone, India, Caucaso, Africa occidentale, America meridionale.

Il tè bianco deriva dalla pianta Camellia Sinensis e può crescere allo stato selvatico, raggiungendo anche i 2 metri di altezza, oppure essere coltivato e, in questo caso, presentarsi sotto forma di un arbusto o un cespuglio.

Questa particolare qualità presenta un sapore e un aroma molto delicati, adatti ai veri intenditori, che ne riescono ad apprezzare ogni sfumatura.

Di colore giallo pallido, il tè bianco è uno dei tè più pregiati al mondo e anche più costosi, data la sua speciale tecnica di produzione, da cui ne derivano la qualità e la naturalezza del prodotto.

La raccolta del tè bianco, infatti, avviene due volte l’anno, a inizio aprile e a inizio settembre, in assenza di eventi atmosferici avversi come pioggia, vento e freddo.

Solo le gemme o le prime foglie vengono raccolte a mano e in seguito lavorate ed essiccate al sole o in maniera artificiale.

Nella produzione del tè bianco vengono privilegiati metodi il più possibile naturali, per garantire un’alta qualità del prodotto e naturalezza.

Ecco il perché questa bevanda viene denominata “il tè dell’imperatore”.

Secondo alcune leggende, inoltre, in antichità esso era riservato esclusivamente all’imperatore e raccolto a mano da vergini con forbici d’oro.

Antica-drogheria - Il tè bianco

Preparazione del tè bianco

Per riuscire ad assaporare al meglio questa speciale bevanda, occorre seguire un delicato metodo di preparazione che ne preservi l’aroma e le proprietà.

Nel predisporsi alla preparazione del tè è importante utilizzare acqua di buona qualità e con ridotti livelli di calcare, per assicurarsi di non comprometterne il gusto e l’aroma.

È sufficiente, quindi, scaldare l’acqua fino a raggiungere una temperatura di circa 70 – 80 gradi, per evitare che le foglie o i germogli del tè vengano bruciati e l’infuso assuma un sapore amaro e sgradevole.

Il metodo di infusione può essere scelto secondo le proprie preferenze e gli utensili a disposizione.

Una volta verificata la giusta temperatura, l’acqua deve essere versata sulle foglie e si deve attendere che l’aroma venga sprigionato.

I tempi di infusione possono variare, tuttavia, nel caso del tè bianco è richiesto un tempo maggiore, che si aggira circa dai 7-10 minuti.

Le foglie possono essere riutilizzate anche più volte. In questo caso può essere più opportuno ridurre il tempo di infusione da 1 a 2 minuti.

Sarà sufficiente servire il tè al naturale senza l’aggiunta di latte e zucchero, dato il suo sapore molto delicato.

Proprietà, benefici e controindicazioni del tè bianco

Le incredibili proprietà del tè bianco lo rendono una bevanda molto preziosa e benefica per il nostro organismo. Tuttavia non è indicato a tutti e un consumo eccessivo potrebbe causare una serie di disturbi.

Proprietà e benefici del tè bianco

Questa bevanda è ricca di vitamina C ed E e possiede proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e immunodepressive.

I benefici del tè bianco sono dimostrati dalla riduzione della pressione sanguigna, dei livelli di colesterolo cattivo nel sangue e nella prevenzione di malattie cardiovascolari.

Diversi studi hanno evidenziato, inoltre, un’importante azione di prevenzione nei confronti di tumori al colon, stomaco, polmoni e prostata.

Capace di aumentare la memoria, rafforzare le difese immunitarie e apportare energie, il tè bianco si dimostra, quindi, un vero e proprio elisir di lunga vita.

Antica-drogheria - Il tè bianco

Quando il tè bianco non è indicato?

Nonostante questi incredibili effetti benefici per la salute, il tè bianco possiede caffeina ed è, quindi, opportuno evitare di consumarlo in quantità eccessive, per evitare potenziali disturbi del sonno, nervosismo, vertigini e tremori.

È fortemente sconsigliato alle donne in gravidanza e ai bambini al di sotto dei 12 anni.

Essendo ricco di flavonoidi, inoltre, potrebbe ridurre l’assorbimento di ferro nel sangue e si consiglia a chi soffre di anemia di farne un uso moderato e possibilmente lontano dai pasti.

Quando bere il tè bianco

Il tè bianco può rappresentare un vero e proprio rituale meditativo o essere servito in occasioni speciali.

Ricavare un momento di puro rilassamento per assaporarne ogni nota di sapore, è importante per apprezzare questa pregiata bevanda.

Il tè bianco può essere consumato da solo in purezza, lontano dai pasti, oppure essere accompagnato da alimenti dal sapore delicato o dolci alla frutta.

Può essere assunto tutto l’anno, ma il suo effetto raffreddante lo rende più indicato per le stagioni particolarmente calde.

|Sponsorizzato
Condividi questo post
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.