Antica Drogheria Proprieta Del Te Ecco Quali Sono 01
Antica Drogheria
Antica Drogheria

Il tè fa bene? Le proprietà del tè

Il tè non è solo una bevanda. Oltre alla sua millenaria tradizione che lo rende un vero e proprio rito in molte culture, conserva in sé molte proprietà benefiche.

Le proprietà del tè sono infatti numerosissime, grazie alla notevole quantità di principi attivi che contiene: di conseguenza sono numerosi anche i benefici del tè per la salute.

Tuttavia le proprietà benefiche del tè non sono sempre le stessa, ma dipendono dalla varietà del tè.

Che cosa contiene il tè: i principi attivi

Il tè è una bevanda che viene ottenuta attraverso l’infusione delle foglie della pianta del tè. La Camelia Sinensis è infatti la pianta da cui si ricavano le foglie che, dopo la loro lavorazione, danno origine alle diverse varietà di tè. È quindi il processo di lavorazione, a seconda del tipo di macerazione ed essicazione, a dare vita alla produzione di tè diversi: si avranno, pertanto, tè con un grado diverso di ossidazione e fermentazione.

Nelle foglie della pianta sono contenuti diversi composti chimici, che possono influire positivamente sulla salute di chi beve il tè. Si calcola, infatti, che vi siano oltre quattromila molecole diverse.

Si tratta di vitamine, minerali e antiossidanti che durante l’infusione in gran parte vengono rilasciati nella bevanda.

Antica Drogheria Proprieta Del Te Ecco Quali Sono 02
  • Caffeina: si tratta della molecola principale contenuta nelle foglie del tè, sebbene ne contenga una quantità inferiore rispetto al caffè, in quanto il tè è più diluito. Questa sostanza ha molti effetti, in quanto stimola la circolazione sanguigna, contribuisce alla digestione e alla metabolizzazione degli zuccheri.

  • Polifenoli: circa un terzo delle molecole presenti nel tè sono di questo tipo. Nelle piante i polifenoli hanno la funzione di proteggere la pianta dall’attacco degli erbivori e degli agenti patogeni, oltre al fatto che attirano gli insetti che fungono da impollinatori. I polifenoli sono dunque presenti in molte specie vegetali. Sono molto utili anche per l’organismo umano, in quanto sono antiossidanti, anticancerogeni e riducono il rischio delle malattie cardiocircolatorie.

  • Flavonoidi: fanno parte dei polifenoli e hanno una funzione prevalentemente di riduzione dei disturbi cardiocircolatori. Inoltre, come antiossidanti, rallentano l’invecchiamento.

  • Tannini: anche i tannini fanno parte dei polifenoli. Sebbene spesso si pensi che siano contenuti solo nel vino, in realtà i tannini si trovano anche in altre bevande di origine vegetale come la birra e, appunto, il tè. Sono responsabili del gusto amarognolo del tè e proteggono la pianta dall’attacco degli animali erbivori. Per l’organismo umano possono essere benefici, in quanto hanno funzione astringente, antibatterica, antinfiammatoria e antidiarroica.

Inoltre il tè contiene sali e minerali, come fluoro, calcio, zinco, potassio, magnesio, e molte vitamine, vitamina A, B1, B2, B6, B12, C e D.

Antica Drogheria Proprieta Del Te Ecco Quali Sono 03

Teina e caffeina: che differenza c’è?

In realtà, non c’è alcuna differenza tra teina e caffeina, in quanto si tratta della stessa sostanza. Ciò che varia nell’assunzione delle due bevande che la contengono, ovvero il tè e il caffè, è la concentrazione.

Il tè, infatti, viene bevuto con una maggiore diluizione rispetto al caffè e anche la quantità di caffeina diminuisce. Tuttavia, non sempre il tè contiene la stessa quantità di caffeina: ciò può dipendere sia dal contenuto di caffeina della foglia, sia dalla preparazione della bevanda.

La composizione del terreno su cui cresce la pianta, l’altitudine e la maturazione della foglia al momento della racconta sono fattori che rendono la foglia più o meno ricca di caffeina. Inoltre, anche la preparazione incide sul risultato: quantità delle foglie nell’infusione, durata dell’infusione e temperatura dell’acqua possono avere una importante influenza. Inoltre, parrebbe che nel tè fatto con le bustine ci sia una quantità di caffeina superiore rispetto a quello fatto con le foglie sfuse.

In ogni caso, la quantità di caffeina presente nel tè è comunque inferiore a quella presente nel caffè. Per questo motivo, il tè risentirebbe meno degli effetti collaterali del caffè, che possono provocare eccessiva eccitazione, insonnia e ansia.

Tuttavia, anche nel caso del tè, è opportuno non eccedere nelle quantità e, in caso di patologie che ne sconsigliano l’uso, fare sempre riferimento al proprio medico.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email