Antica Drogheria Pianta Del Te Come Usare Foglie 01
Antica Drogheria
Antica Drogheria

La pianta del tè: come si usano le foglie

La pianta dalla quale si producono tutti i tipi di tè è la Camellia Sinensis, sebbene proprio per il fatto di essere diventata famosa per il suo uso è più nota semplicemente come Pianta del tè.

Si tratta di un albero che fa parte del genere delle Camellia e appartiene alla specie delle Theaceae. Il suo fusto è in grado di crescere fino a parecchi metri di altezza, tuttavia viene in genere tenuta più bassa, in modo da facilitarne la coltivazione e la raccolta delle foglie proprio per la produzione del tè.

Sebbene spesso si creda che le diverse varietà di tè siano il prodotto di piante diverse, in realtà è il tipo di lavorazione e l’eventuale macerazione, oltre che l’aggiunta di altri ingredienti, a determinare la differenza tra gli infusi. Tuttavia ne esiste una sottospecie, la Camellia Sinensis Sinensis che è originaria della Cina sud-orientale e si utilizza per alcuni tipi di tè.

Le origini della pianta del tè

La pianta del tè ha un’origine molto antica: la leggenda dice che per la prima volta venne utilizzata quando una foglia cadde accidentalmente in un contenitore in cui vi era acqua bollente e da lì prese avvio la lunga tradizione del tè. Sebbene non ci siano testimonianze che lo dimostrino, è certamente vero che l’utilizzo del tè risale ad almeno tremila anni fa, prima in Cina, poi nel resto dell’Asia, quindi in Europa.

Tuttavia fu solo nel ‘700 in che venne attribuito per la prima volta il nome di Camellia Sinensis a questa pianta. Fu Carlo Linneo, botanico e naturalista svedese, a crearne la tassonomia prendendo spunto dal nome del reverendo George Joseph Kamel che l’aveva già identificata a fine ‘600, e unendo l’appellativo Sinensis, che in latino significa cinese.

Antica Drogheria Pianta Del Te Come Usare Foglie 02

Le caratteristiche della pianta del tè

La Camellia Sinensis è una pianta originaria dell’Asia, diffusa soprattutto nel Sud-est Asiatico, che, per le sue caratteristiche fisiche cresce con climi caldi e umidi, tuttavia si adatta anche a condizioni climatiche diverse. Oggi, infatti, grazie alla grande richiesta di tè, la coltivazione della pianta del tè si è estesa anche in altre parti del mondo: oltre che in Asia, si trovano coltivazioni anche nel Nord e Sudamerica, in Europa, in Africa e in Oceania.

Tuttavia, la diffusione delle coltivazioni di tè nel mondo ha fatto sì che, a causa del cambio climatico, ma anche per l’uso di tecnologie diverse, si siano venute a creare varietà di tè diverse.

Da un punto di vista botanico, si tratta di un arbusto capace di crescere, allo stato naturale, per parecchi metri, anche se di solito viene conservato tra il metro e i due metri e mezzo. Si tratta di una pianta molto longeva, che può vivere anche un centinaio di anni: presenta foglie spesse, di colore verde vivo, a forma lanceolata e con il margine dentato. Possono avere una lunghezza fino ai 15 centimetri e contengono una importante percentuale di caffeina (circa 4%).

Sebbene la pianta da cui si ricava il tè sia una sola, esistono diverse sottospecie di questa pianta: due sono quelle che si utilizzano principalmente per varietà diverse di tè.

Camellia Sinensis

Si tratta di una sottospecie di Camellia Sinensis che veniva coltivata per lo più in Cina, di cui è originaria. Questa varietà si è adattata a vivere in climi anche con temperature fresche, tanto che viene coltivata anche in montagna dove le temperature sono più basse e d’inverno possono essere anche rigide. Viene utilizzata per la produzione del tè verde e del tè bianco.

Camellia Sinensis assamica

Questa sottospecie prende il nome dell’area di coltivazione: deriva infatti dall’India, nella regione di Assam. Anche in questo caso è il clima ad avere determinato una tipologia di pianta leggermente diversa rispetto a quella originaria. Infatti le temperature piuttosto elevate e umide hanno dato luogo a una pianta di dimensione più grandi e con foglie più ampie. Anche il gusto ne risulta condizionato: per questo la Camellia Sinensis Assamica viene utilizzata per tè più corposi come il tè nero, l’oolong e il pu’er.

Le foglie del tè: raccolta e usi

Le foglie del tè sono, dunque, il centro della produzione della bevanda omonima. Per la produzione del tè non solo è importante la lavorazione, ma anche la raccolta che definisce la qualità del tè.

La raccolta può essere eseguita in due modi:

  • Raccolta manuale delle foglie del tè: dà origine a varietà di tè più pregiati in quanto possono essere selezionate solo le foglie migliori. Infatti, il raccoglitore avrà cura di raccogliere solo la gemma e una o due foglie sotto di essa.

  • Raccolta meccanica delle foglie del tè: si tratta di un tipo di raccolta che si effettua nei luoghi dove non c’è manodopera specializzata o quando viene considerata troppo cara. In questo caso la raccolta è più rapida ma meno accurata.

|Sponsorizzato
Antica Drogheria Pianta Del Te Come Usare Foglie 03

A seconda di quante foglie vengono raccolte da uno stesso ramo, si determina il tipo di raccolta che dà luogo a un diverso livello qualitativo. Si parla, infatti, di raccolta imperiale quando, oltre alla gemma, viene raccolta una sola foglia, raccolta superiore con due foglie e raccolta ordinaria con tre foglie o più.

Le foglie, in virtù di questa classificazione qualitativa, hanno una denominazione che sarà poi riportata sul prodotto finale:

  • Flowery Pekoe è la gemma, ovvero il primo germoglio della pianta. È la parte più tenera e quella in cui sono maggiormente concentrati gli antiossidanti.

  • Orange Pekoe è la prima foglia subito dopo la gemma. Tra le foglie è la più tenera e viene utilizzata assieme alla gemma per le varietà di tè più pregiate.

  • Pekoa è la seconda foglia. Viene utilizzata per una varietà di seconda qualità, chiamata raccolta superiore.

  • First Souchong è la terza foglia. Viene utilizzata per il raccolto ordinario.

  • Second Souchong, Congou e Bohea sono foglie di qualità minore che talvolta vengono raccolte in modo meccanizzato e danno luogo a tè di scarsa qualità.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email