Antica Drogheria Pepe Nero Re Delle Spezie 01
Antica Drogheria
Antica Drogheria

Pepe nero: il re di tutte le spezie

Nero e forte, il pepe nero è senza dubbio il re di tutte le spezie. Originario dell’India del sud, ben presto si è affermato come una delle spezie più conosciuta e utilizzata in tutto il mondo, grazie al suo gusto deciso e, allo stesso tempo, aromatico.

Molte ricette tipiche prevedono questo ingrediente proprio per la sua capacità di offrire un tocco di sapore a qualsiasi piatto. Ma non solo: le proprietà del pepe nero sono molto numerose e conosciute fin dall’antichità per i benefici che apportano.

Piper nigrum: la pianta del pepe nero

Il piper nigrum, pianta dalla quale si ricavano le bacche del pepe nero, fa parte delle Piperaceae e trae le sue origini nella parte occidentale dell’India del sud. Cresce e prospera nelle regioni con clima tropicale, in particolare in Cina.

Si tratta di una pianta di tipo arbustivo, perenne e può raggiungere anche i 4-5 metri di altezza. Quello che la rende così particolare e pregiata sono proprio i frutti, ovvero delle piccole bacche che hanno al loro interno un solo seme.

Inizialmente, il seme è di colore verde, poi man mano che matura si trasforma in giallo e in rosso. Una volta raccolti, devono essere lasciati essiccare al sole: durante questa fase assumono la classica colorazione nera.

Per quanto riguarda il suo sapore particolare, è prodotto dalla presenza di una sostanza che si chiama piperina. Una volta macinata, questa sostanza perde progressivamente il suo aroma, pertanto il metodo di conservazione migliore è quello in grani. Il pepe nero, dunque, andrebbe macinato immediatamente prima di aggiungerlo alle pietanze.

Antica Drogheria Pepe Nero Re Delle Spezie 02

Pepe nero: benefici di una spezia conosciuta in tutto il mondo

Il pepe nero già nella antichità era considerata una spezia molto preziosa, tanto che era utilizzata come moneta di scambio.

Il fatto che nelle tombe dei faraoni ne siano state rinvenute tracce non fa che confermare l’antica tradizione legata a questa spezia. Si presume che in Europa sia giunta grazie ad Alessandro Magno e che sia i romani che i greci la conoscessero. Ippocrate, famoso medico vissuto in Grecia nel IV secolo, riteneva il pepe nero un toccasana per i dolori mestruali, mentre Plinio il Vecchio (23-79 d.C.) ne fa menzione nella sua enciclopedia Naturalis Historia.

Anche nella medicina ayurvedica è considerata una spezia medicinale, tanto che viene inserita, assieme allo zafferano e al pepe lungo, tra quelle utili per la digestione e per migliorare il metabolismo.

Il fatto che il pepe nero sia considerato una spezia benefica non è frutto di fantasia, ma è una realtà:

  • Stimola la digestione: la piperina è un alcaloide che ha la capacità di stimolare l’attività gastrica e favorire la digestione, grazie alla capacità di assorbire meglio le sostanze nutritive.

  • Combatte l’obesità: il pepe nero, tra le sue proprietà, annovera anche quella di stimolante della termogenesi, ovvero un particolare processo metabolico che provoca calore nell’organismo, bruciando una quantità maggiore di grassi. Secondo studi scientifici, l’aggiunta del pepe ad una pietanza contribuirebbe ad aumentare le calorie consumate fino al 10%. Per questo è consigliato nelle diete e per combattere l’obesità.

  • Ha proprietà antisettiche: spesso il pepe nero veniva utilizzato in passato per conservare alimenti. Spesso si pensa che le spezie in passato venissero sfruttate per loro aromi intensi per coprire odori e sapori sgradevoli di alimenti non più freschi. In realtà, nel caso del pepe, il suo uso aveva proprio la funzione di battericida e disinfettante. Quindi, aggiunto ai cibi, proteggeva da possibili tossine.

  • Contrasta l’azione dei radicali liberi: come avviene per molte spezie, anche il pepe contiene antiossidanti che hanno la funzione di rallentare l’invecchiamento, soprattutto contro le rughe. Proprio per questo spesso viene utilizzato nei trattamenti eudermici.

  • Stimola la produzione di endorfine: secondo alcuni studi recenti, la piperina sarebbe in grado di stimolare il cervello alla produzione di endorfine. I suoi effetti sarebbero quelli di contrasto alla depressione, potenziamento della memoria e rallentamento dell’invecchiamento celebrale.

  • Ha proprietà espettoranti: infine, sempre grazie alla presenza della piperina, il pepe nero avrebbe la capacità di contrastare raffreddori e sinusiti e di ridurre la congestione nasale.

Antica Drogheria Pepe Nero Re Delle Spezie 03

L’uso del pepe nero in cucina

Le ricette in cui il pepe compare come ingrediente sono numerosissime e fanno parte della tradizione culinaria di tutto il mondo. Poiché l’uso del pepe si è diffuso fin dall’antichità, molte cucine tradizionali se ne sono avvalse fin dalla notte dei tempi.

Il suo utilizzo può essere in grani tanto quanto in polvere: di solito, viene inserito ancora in grani nelle pietanze che devono essere conservate a lungo, come negli insaccati, mentre viene macinato per insaporire piatti al momento di essere serviti.

Dal risotto alla pasta, dalle verdure alla carne, fino alle tisane, il pepe ha un uso molto vasto e differenziato ed è una delle spezie che rientra nel mix utilizzato per il curry.

|Sponsorizzato
Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email