Antica Drogheria A2 02 Infusi Rilassanti 01
Antica Drogheria
Antica Drogheria

Infusi rilassanti: perfetti per una serata casalinga

Le tisane rilassanti, o infusi rilassanti, sono un’ottima compagnia per una serata casalinga in cui si desidera abbandonarsi al puro relax. Magari con un buon libro o una serie tv, comodamente adagiati sul divano, non possiamo desiderare di meglio che una bevanda piacevole al sapore e rilassante.

Del resto, le erbe ci aiutano: sono numerose quelle che si possono scegliere per la propria tisana rilassante, in linea con le proprie necessità ma anche con i gusti personali. Se un infuso rilassante, infatti, non piace, il suo effetto sarà senza dubbio meno efficace nel rimuovere le tensioni.

Ecco allora che il primo passo è capire quale erba scegliere e che tipo di relax ottenere: ci sono infatti infusi calmanti, infusi antistress e infusi per aiutare a indurre il sonno.

Gli effetti calmanti di tisane e infusi rilassanti

Le tisane e gli infusi sono delle bevande che si preparano attraverso l’estrazione dei principi attivi di fiori, foglie e frutti ponendole in ammollo in acqua bollente. La differenza tra tisane e infusi consiste nel fatto che, mentre gli infusi vengono prodotti con varie parti di un’unica pianta officinale, le tisane di solito hanno un mix di piante diverse, di solito i fiori o le foglie.

In ogni caso, l’effetto calmante è prodotto dai principi attivi della pianta, che sono delle sostanze che hanno la funzione di proteggere la pianta stessa dalle aggressioni esterne e di aumentarne la probabilità di sopravvivere. Ogni pianta può avere principi attivi diversi che, utilizzati dall’essere umano, possono agire in modo diverso sull’organismo.

In relazione all’effetto calmante esistono:

  • Tisane ipnoinducenti: si tratta di bevande che si basano su piante ipnotiche, che possono avere, anche in proporziona alla quantità assunta, effetti calmanti, narcotici e sedativi.
  • Tisane ipotensive: si tratta di quelle bevande che utilizzano piante con principi attivi che influiscono sulla pressione arteriosa abbassandola.
  • Tisane sedative: sono quelle che agiscono sul sistema nervoso e hanno la capacità di alleviare i disturbi di ansia, depressione, etc.
Antica Drogheria A2 02 Infusi Rilassanti 02

Come preparare una tisana o un infuso rilassante

La preparazione di un infuso o di una tisana rilassante è molto semplice ed è, di fatto, uguale alla preparazione di una tisana normale.

Se si sceglie una tisana già pronta, per esempio in bustina, è sufficiente metterla in infusione in acqua bollente per alcuni minuti: attenzione, però, sia alla temperatura sia alla durata dell’infusione.

Infatti, a seconda dell’erba utilizzata potrebbero essere necessari tempi e temperature più o meno lunghi. Alcune sostanze, infatti, sono termolabili e ad una temperatura eccessiva potrebbero danneggiarsi perdendo gli effetti desiderati. Quando si acquista una tisana, va sempre fatta attenzione che siano indicate le tempistiche e le modalità per l’infusione, in modo da poter godere al meglio della bevanda.

Esiste, poi, la possibilità di tisane preparate ad hoc, per esempio recandosi dall’erborista e chiedendo dei prodotti per risolvere dei problemi specifici: in questo caso, l’erborista può proporre degli infusi con erbe che hanno effetto sedativo o calmante oppure può creare delle tisane con un mix di erbe che agiscono in modo mirato.

Anche in questo caso, la tisana deve essere posta in infusione seguendo le indicazioni specifiche.

|Sponsorizzato

Le tisane che aiutano il sonno

Alcune tisane sono particolarmente consigliate quando si hanno difficoltà ad addormentarsi o quando, come completamento di una serata in relax, si desidera bere una bevanda che aiuti a distendere i nervi.

Valeriana

La Valeriana (Valeriana officinalis) è molto conosciuta per le sue proprietà calmanti e aiuta a ridurre i disturbi del sonno. Il suo principio attivo viene usato, oltre che nella tisana calmante, anche per la preparazione di fitofarmaci contro l’insonnia.

Camomilla

La camomilla (Chamaemelum nobile) nella tradizione popolare è considerata un toccasana per aumentare il sonno.  Tra i suoi principi attivi sono presenti i flavonoidi, che aiutano a favorire il rilassamento.

Biancospino

Il biancospino (Crataegus monogyna) è una pianta dalle proprietà rilassanti indicata anche per chi soffre di disturbi come le palpitazioni notturne. Un’ottima tisana cardiaca sedativa è composta da un mix di fiori di biancospino, passiflora e tiglio.

Passiflora

La passiflora (Passiflora): è molto gradevole grazie al frutto che ha una fragranza tropicale. Le tisane preparate con questa pianta uniscono alle proprietà sedative e calmanti anche l’effetto rilassante e la capacità di combattere stress, spasmi muscolari e disturbi a livello psicosomatico.

Lavanda

La lavanda (Lavanda officinalis), molto apprezzata per il suo aroma, è una pianta amata anche per le proprietà terapeutiche. Aiuta a calmare l’ansia ma anche a ridurre disturbi alle vie respiratore, come tosse, raffreddore e asma, che possono disturbare il sonno.

Melissa

La melissa (Melissa officinalis) rappresenta un vero e proprio rimedio che può essere utilizzato con varie finalità. Non solo sotto forma di infuso e nelle tisane, ma anche tramite tinture, capsule e olio essenziale. Oltre alle proprietà calmanti, ha anche effetti infiammatori, antispastici e digestive.

Fiori d'arancio

I fiori di arancio sono molto utilizzati per le tisane, in quanto uniscono i benefici degli agrumi agli effetti calmanti e rilassanti provocati dal linaiolo, che è una sostanza presente nel fiore.

Elscozia

L’elscozia (Echoltzia californica), detta anche papavero della California, è una pianta nota per le proprietà sedative e ipnoinducenti. Infatti, contiene degli importanti alcaloidi attivi che hanno funzione antispasmodica e rilassante.  

Condividi questo post
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.